A cosa servono le banche centrali?

article picture

Inflazione. È la parola sulla bocca di tutti gli investitori ed economisti in questi giorni. I prezzi sono aumentati del 4% nella zona euro nell'ottobre 2021 rispetto all'ottobre 2020. Tra i vari paesi europei, l'inflazione ha raggiunto nello stesso periodo il 2,6% in Francia, il 2,9% in Italia, il 5,4% in Spagna e il 4,6% in Germania. Anche negli Stati Uniti i dati allarmano gli osservatori con un'inflazione del 6,2% tra ottobre 2020 e ottobre 2021.

Mentre i numeri sono impressionanti e stanno raggiungendo livelli che non si vedevano dalla crisi finanziaria del 2008, ci sono organizzazioni il cui compito principale è quello di garantire la stabilità dei prezzi. Si chiamano banche centrali. Ma cosa sono veramente e come funzionano? Diamo un'occhiata più da vicino.

Cos’è una banca centrale?

Photo by Pixabay from Pexels

Le banche centrali sono una sorta di banca per le banche. Sono responsabili della supervisione della creazione di denaro per il sistema bancario e della politica monetaria. Hanno anche il compito di assicurare il buon funzionamento delle banche in termini di regolamentazione e di solvibilità.

C'è solo una banca centrale per paese o per area economica, nel caso della zona euro. Le banche centrali non sono necessariamente istituzioni pubbliche (negli Stati Uniti, la banca centrale è più o meno legata alle autorità politiche). Anche se non sono necessariamente istituzioni pubbliche, la loro missione è quella di servire lo Stato, dato che sono le uniche istituzioni che possono emettere denaro.

Alcune delle più importanti banche centrali del mondo sono la Federal Reserve negli Stati Uniti e la Banca Centrale Europea, responsabile della politica monetaria nella zona euro. Sono dirette rispettivamente da Jerome Powell, che è stato appena riconfermato per un secondo mandato quadriennale, e Christine Lagarde, la prima donna ad essere nominata capo della BCE.

Come le banche centrali influenzano l'economia attraverso i tassi di interesse

Photo by Kelly L from Pexels

Il compito principale delle banche centrali è quello di garantire la stabilità dei prezzi e controllare l'inflazione. Per far ciò, hanno principalmente uno strumento a loro disposizione: i tassi d'interesse di riferimento. Questi sono i tassi ai quali le banche commerciali e i governi prendono in prestito dalle loro banche centrali. Il concetto di base è abbastanza semplice.

I bassi tassi d'interesse hanno lo scopo di incoraggiare il consumo (aumentare la domanda), che a sua volta porta ad una tendenza all'aumento dei prezzi. Questa politica di bassi tassi d'interesse è chiamata politica espansiva o accomodante (perché mira a incoraggiare il consumo). Questa è esattamente la situazione in cui ci troviamo ora, con tassi di interesse storicamente bassi volti a sostenere il consumo dall'inizio della pandemia Covid-19.

D'altra parte, le banche centrali possono anche decidere di aumentare i loro tassi di interesse. In questo caso, l'obiettivo è di incoraggiare gli agenti economici a prendere meno in prestito e a consumare meno (minore domanda), il che implica una tendenza al ribasso dei prezzi. Questa politica di lotta contro l'inflazione attraverso alti tassi d'interesse è una politica restrittiva (perché porta a un calo dei consumi). Questo è ciò che potrebbe accadere in Europa e negli Stati Uniti nei prossimi mesi. Ora che il consumo ha ripreso a crescere, le banche centrali stanno prendendo sempre più in considerazione l’idea di alzare i tassi d'interesse di riferimento per combattere l'inflazione. In diversi paesi europei, i segni di questo movimento sono già visibili: Norvegia, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Romania hanno già iniziato ad aumentare i loro tassi di riferimento.

Come le banche centrali influenzano l'economia attraverso gli acquisti di obbligazioni

Photo by Engin Akyurt from Pexels

Anche se lo strumento principale a disposizione delle banche centrali per influenzare l’economia rimane il cambio dei tassi d'interesse, queste possono anche farlo comprando obbligazioni, di solito titoli di stato. Per coloro che non ricordano cosa siano le obbligazioni, in parole povere si tratta di prestiti fatti a società o enti pubblici, che si suppone verranno rimborsati in un tempo fisso e sui quali si ricevono interessi. Per saperne di più, date un'occhiata alla nostra lezione sulle obbligazioni.

L'acquisto di obbligazioni permette alle banche centrali di iniettare denaro nell'economia usando il denaro che emettono. Questo è chiamato alleggerimento quantitativo (in inglese, quantitative easing). I bassi tassi d'interesse e l'alleggerimento quantitativo vanno spesso di pari passo, in quanto mirano ad allentare la pressione sull'economia per aumentare i consumi. Questo è ciò che sta accadendo ora, poiché le banche centrali europee e statunitensi stanno acquistando grandi quantità di buoni del tesoro per sostenere l'economia, mentre allo stesso tempo hanno bassi tassi di interesse per stimolare i consumi.

Ma ripeto, potremmo essere alla fine di questo periodo di forti investimenti delle banche centrali nell'economia. Mentre la crescita è tornata, l'inflazione è in aumento. E i banchieri centrali hanno una soluzione a loro disposizione: il tapering. L'obiettivo è quello di ridurre gradualmente gli acquisti di obbligazioni da parte delle banche centrali, poiché questi sono finanziati dal denaro che creano e quindi contribuiscono all'inflazione.

Che influenza può avere il tapering sui mercati finanziari?

Photo by Anna Nekrashevich from Pexels

La probabile futura inversione della politica della banca centrale potrebbe avere due conseguenze negative per gli investitori.

Prima di tutto, il tapering potrebbe portare a un forte aumento dei tassi di interesse. Se le banche centrali abbassano i tassi acquistando titoli sui mercati finanziari, rischiano di alzarli vendendo questi titoli.

Inoltre, la fine degli acquisti di asset potrebbe portare a una diminuzione della liquidità. Se le banche centrali creano denaro per comprare titoli, distruggono anche questo denaro quando li vendono.

Gli impatti sui mercati azionari potrebbero essere diversi. Per esempio, i titoli tecnologici e ambientali, le cui valutazioni sono in parte basate su ipotesi di tasso di interesse, potrebbero soffrirne. Come sempre, contro una ipotetica correzione collegata al tapering nei mercati azionari mondiali, la diversificazione è la migliore difesa.

In sostanza, le banche centrali sono un po' come i pompieri dell'economia. Quando le cose vanno male, agiscono abbassando i tassi d'interesse e iniettando denaro nell'economia tramite l’alleggerimento quantitativo. Ma attenzione a non sommergere il sistema economico, altrimenti è un diluvio, scusate, l'inflazione.

Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivid e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivid Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivid Money GmbH.

Open your free account now
Enter your phone number and we'll send you a link to download the Vivid app
Show QR-code to download an app