Dovrei investire in Paypal?

article picture

Vi ricordate quando bisognava tirare fuori le banconote o le monete dal portafoglio per fare un pagamento? Se eri fortunato, potevi pagare con carta di credito nei negozi che la accettavano. Pagare online era ancora più complicato.

Ma oggi niente è più facile che pagare con il cellulare o fare acquisti su Internet con un solo clic. Dobbiamo la maggior parte di questa democratizzazione dei metodi di pagamento a un'azienda: Paypal. Farai fatica a trovare qualcuno che non abbia mai usato i servizi dell'azienda americana e quasi tutti ne conoscono il nome. Ma questo significa che vale la pena investirci?

Una storia turbolenta

Prima di tuffarci nei numeri, diamo un'occhiata alla storia di Paypal. La vita dell'azienda non è stata tranquilla e ci sono stati parecchi colpi di scena. Paypal nasce nel 2000 dalla fusione di due aziende: Confinity, fondata tra gli altri da Peter Thiel, e X.com, co-fondata da Elon Musk.

Saltiamo le lotte interne tra Musk e alcuni dei suoi soci e andiamo direttamente al febbraio 2002, quando l'azienda viene quotata in borsa. L'avventura sui mercati sarà solo di breve durata. Pochi mesi dopo, in agosto, eBay spenderà 1,5 miliardi di dollari per comprare Paypal. Fu un grande affare per i suoi fondatori e i primi investitori. Il prezzo delle azioni di Paypal, di 13 dollari alla presentazione del febbraio 2002, venne valutato da eBay a 23 dollari al momento dell’acquisizione. Un aumento di valore del 77% in soli 6 mesi.

Con il passare degli anni, il matrimonio tra Paypal ed eBay ha permesso alla società di pagamento di sviluppare la sua base di utenti. Col tempo, il successo di Paypal ha superato quello di eBay e alcuni investitori hanno visto la loro unione come un freno allo sviluppo dello specialista dei pagamenti, limitando le potenziali partnership con concorrenti come Amazon o Alibaba che potrebbero potenzialmente diventare grandi clienti.

Pressato dai suoi azionisti, eBay ha accettato di separarsi da Paypal nel 2015. L'azienda ha fatto si è quotata in borsa per la seconda volta nel luglio dello stesso anno.

Come sta evolvendo il prezzo delle azioni di Paypal?

Se aveste investito in Paypal quando è tornata in borsa il 6 luglio 2015, avreste fatto un ottimo affare. 1.000 euro investiti in Paypal all'epoca varrebbero oggi poco più di 5.000 euro, un aumento di oltre il 400%. Questo è un risultato molto al di sopra della media delle più grandi aziende americane. Allo stesso tempo, l'indice di riferimento negli Stati Uniti, lo S&P 500, è aumentato di poco più del 120%.

Ovviamente, questi importi sarebbero parecchio più alti considerando i dividendi, questa è una stima approssimativa della loro evoluzione.

Tuttavia, se guardiamo un periodo più recente, l'evoluzione del prezzo delle azioni di Paypal è l'opposto di quella dell'S&P 500. Mentre l'indice ha guadagnato quasi il 25% nei primi 11 mesi del 2021, il prezzo delle azioni di Paypal è sceso di quasi il 20%. Eppure l'anno era iniziato abbastanza bene, dato che il prezzo delle azioni della società era ancora in crescita del 30% alla fine di luglio rispetto al 1° gennaio, meglio dello S&P 500. Ma da allora, le cose sono andate in discesa. Il 23 luglio, un'azione di Paypal valeva 308 dollari, ma il 26 novembre bastavano 188 dollari per acquistarne una; un calo di quasi il 40% in poco più di quattro mesi.

Ma la recente performance in discesa di Paypal in borsa, significa che l'azienda sta andando male?

Come fa Paypal a guadagnare soldi

Per capire meglio la salute finanziaria di Paypal, immergiamoci nei conti dell'azienda e nel suo ultimo rapporto sugli utili. La prima cosa che si può notare è che anche se le azioni di Paypal possono perdere colpi, i risultati dell'azienda sono abbastanza buoni. L'utile netto di PayPal è più che raddoppiato dal terzo trimestre del 2019 al terzo trimestre del 2020, e da allora è cresciuto costantemente.

Come molte aziende tech, Paypal è stato uno dei principali beneficiari della pandemia di Covid-19, che ha costretto molte persone a rimanere a casa e ha cambiato profondamente le nostre abitudini di consumo. Più shopping online in tutto il mondo è una buona notizia per Paypal, il cui business si basa pesantemente sulla sua posizione di gigante dei pagamenti online. Proprio come qualsiasi altro fornitore di soluzioni di pagamento, Paypal guadagna prendendo una commissione su ogni transazione effettuata attraverso la sua piattaforma. La percentuale varia a seconda del paese e delle dimensioni dei partner dell'azienda, ma è generalmente intorno al 3%, pagato dal commerciante.

Cosa c'è in vista per Paypal?

Le entrate di Paypal dipendono in gran parte dalle partnership che l'azienda ha con i commercianti. Questo è uno dei motivi per cui il prezzo delle azioni di Paypal è sceso negli ultimi mesi. È vero che Paypal sta facendo più soldi che mai e che i profitti dell'azienda stanno raggiungendo dei record, ma allo stesso tempo, deve affrontare un futuro senza uno dei suoi partner storici: eBay. La piattaforma di vendita online ha deciso di tagliare i legami con il suo ex protetto, annunciando che non utilizzerà più i suoi servizi e che in futuro utilizzerà solo il proprio servizio di pagamento.

Ma, se la partnership tra Paypal ed eBay finisce, lo specialista dei pagamenti inizierà una nuova relazione con il leader mondiale delle vendite online, Amazon. A partire dal 2022, sarà possibile pagare su Amazon utilizzando Venmo, una filiale di Paypal.

Anche se si conoscono ancora pochi dettagli sulla natura esatta dell'accordo tra le due società, questo potrebbe portare giorni migliori per Paypal sul mercato azionario.

In effetti, gli analisti finanziari sono abbastanza ottimisti sul futuro del titolo Paypal e lo considerano attualmente sottovalutato. L'88% degli analisti di Refinitiv dà a Paypal un rating Buy o Strong Buy.

Alla fine, investire in Paypal significa chiedersi come uno dei leader mondiali nei pagamenti online possa continuare a crescere nonostante la fine della sua lunga partnership con eBay. Come sempre, la decisione di investire o meno nell'azienda spetta a voi.

Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivid e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivid Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivid Money GmbH.

Open your free account now
Enter your phone number and we'll send you a link to download the Vivid app
Show QR-code to download an app